Attività del «CAMILLIANUM» del Burkina Faso

 

Da tre anni il Direttore del «Camillianum» del Burkina Faso, il camilliano P. Edgar Yaméogo, viene invitato dai Vescovi dell'Africa Occidentale per Corsi di Formazione in «Pastorale della Salute e Sanità» nelle proprie Diocesi a Sacerdoti, Religiose, e Professionisti Sanitari.

E' questo un buon "servizio di formazione" che iniziò anni addietro con il P. Angelo Brusco, nel tempo che era Superiore Generale dei Camilliani e Moderatore Generale dello «Istituto Internazionale di Pastorale Sanitaria - Camillianum», dietro pressante richiesta delle Superiore Maggiori del Congo-Brazzaville per suore infermiere, espandendosi ben presto per interesse degli Eccellentissimi Vescovi a Cappellani ed Operatori Sanitari, e specialmente a docenti di Teologia per la formazione di formatori in pastorale della salute e renderli esperti nella promozione della specifica pastorale nel campo della sofferenza e, poi a loro volta, a formare quanti operano nell'ambito della Sanità sensibilizzando la cultura al valore e al rispetto della vita umana.

E così nel tempo il P. Brusco ha tirato dentro il confratello P. Edgar Yaméogo, Laureato al "Camillianum" di Roma e Coordinatore dell'omonimo Istituto fondato in Ouagadougou, Burkina Faso, con la dichiarata intenzione che è bene che siano gli africani a formare gli africani.

Così dopo che il P. Angelo Brusco è andato due volte à Brazzaville e ha preparato i programmi da seguire, il neo-laureato e giovane camilliano burkinabé s'è lanciato nell'attività formativa affrontando una nuova e soda esperienza sul campo. E ci sta riuscendo molto bene dopo le prime sette incursioni che ha fatto...

Oggi il Congo-Brazzaville ha 15 "Formatori in Pastorale della Salute" che già lavorano in varie Diocesi. Il Vescovo responsabile della "Pastorale della Salute", Mons. Yves Marie Monot, con appoggio della Conferenza Episcopale, è intenzionato a dare corpo ad una «Commissione Episcopale della Salute» coinvolgendo il P. Edgar il quale, con l'esperienza che ha della «Commissione del Burkina Faso» dove è inserito, va in Congo-Brazzaville ogni 4/5 mesi all'anno.

E siamo più che convinti che darà il meglio di se stesso in appoggio a questa bella iniziativa così fortemente uniformata al «Carisma camilliano di Misericordia», tutta tesa «a promuovere la cultura cristiana della salute, della cura e della vita... approfondire un itinerario di "formazione umana" per presbiteri, religiosi e persone consacrate, ispirandosi a quanto proposto da due importanti documenti del Magistero della Chiesa».

Ed è bello costatare in questo «Anno Giubilare dei 400 Anni della Morte di San Camillo» come si rende viva e reale la profezia che il Santo fece un giorno: «verrà tempo che questa picciola famigliuola si spargerà per tutto il mondo...» (felix pierre)