Verso il « SINODO dei VESCOVI 2018 »

dedicato ai

“I giovani, la fede e il discernimento vocazionale”

 

* Queste pagine assemblate con POST lanciati su "Facebook"

entrano a far parte dello «Archivio mediatico» del nostro

sito web per non perderne le tracce nell'immenso

contenitore Globale mediatico

perché sempre utile rivedere e rimeditare...

 

Opportuno leggere e meditare il "Documento preparatorio" click

 

 

 

Lettera scritta da «Papa Francesco ai Giovani» è da leggerla tutta... click

 

 

 

Riteniamo che "Padre Camillo" ha da proporre ai Giovani di ogni tempo, e in particolare nel prossimo Sinodo, il «Carisma avuto dal Crocifisso», come ai suoi giorni faceva, stando alle testimonianze raccolte:

«Quando io ero Novitio mi ricordo, che per ammaestrarci à servire bene l'Infermi cosi nell'opere Spirituali, come Corporali, faceva mettere un Letto in mezzo d'una Sala, e poi c'insegnava à farlo, imparandoci come s'haveva á pigliare l'Infermo acciò non patisse; altre volte faceva, ch' uno si colcasse in quel Letto fingendo d'esser'un Moribondo, e poi voleva, che un' altro gli raccommandasse l'Anima per esser poi nell'occasioni più prattici... il suo Cuore era ripieno di Carità, poiche la sua bocca non sapeva parlar d'altro, che di Carita, de' Poveri, et Ospedali...» (P. Prosper Vultabius Sacerdos Cler. Reg. Ministr. Infirtnis ex processu Neapolitano super 27. fol. 130)

 

 

Uomo rude dai tratti di "ex soldato di ventura" eppure Padre Camillo esprimeva una solare "tenerezza" con i suoi Religiosi. Ecco uno dei momenti che ci narrano i Testimoni:

«E benche egli fosse contro se stesso tanto rigoroso, era nondimeno molto compassionevole al Compagno, perciò in Roma ne' caldi eccessivi passando il Ponte S. Angelo di mezzo giorno perandare all'Ospedale di S. Spirito disse al Compagno: "Fratello venite appresso di mè, perche sono grande vi parerò il Sole con la mia ombra..." come fece...» [P. Ioannes Paulus Lavagna Sacerdos Cler. Reg. Ministr. Infirmis ex processu Florentino super 17. fol. 45. à tergo]

 

 

 

Il CAMILLIANO è accanto al malato in sintonia con la Immacolata Madre di Dio,”Mater Dolorosa” e “Salus Infirmorum”, per aiutarlo  a fare tesoro della connaturale sofferenza immergendola in quella del Redentore, Gesù Cristo, al centro della vita spirituale e mistica del Santo Padre Fondatore Camillo.

Un "modello eccezionale" al quale guardano non solo i Giovani Camilliani in formazione, ma anche altri Seminaristi e da oltre Oceano, è il Venerabile NICOLA D'ONOFRIO, una realtà viva e concreta della "formazione camilliana"...

* Dal mondo alcune confidenze ricevute... - click

* E per tutti di "casa nostra" i Giovani dello Studentato Camilliano di Mangano, Catania - click