Preghieree Spiritualità

Questisussidi nascono dal bisogno di riempire un vuoto. La pastorale sanitariainfatti è tra le più sfornite di ausili liturgici per animareincontri di preghiera e celebrazioni eucaristiche.
La sfida dei sussidi, però, come afferma SergioLanza, teologo pastorale, è quella di evitare lo stile "libro diricette" spersonalizzate e passivizzanti che ostacolano la preghiera autentica(personale, attiva, intima e sentita, umile...) e favoriscono il freddodevozionismo rubricistico.

Per evitare ciò mi sono rifatto a preghiere informa meditativa (che possono anche essere prese come spunti per una creazionepersonale preparata o spontanea), ho lasciato spazio per il silenzio (perinteriorizzare quanto detto), per la giaculatoria (per vivere attraversola "preghiera incessante" il passaggio dei concetti dalla "mente" al "cuore"),ho infine inserito il gesto (per portare nel mondo ciò che si proclamanel tempio, trasformando l'ortodossia in ortoprassi, l'unica autenticaliturgia).

Anche l'uso del canto, se ben eseguito, dovrebbe aiutarenon solo nel creare l'atmosfera coinvolgente la persona intera ai concettiproclamati, ma, soprattutto, a dare un peso spirituale ai punti chiavedell'incontro, che sono: la capacità d'amare (per gli operatorisanitari) e la capacità di superare la sensibilità nellasofferenza (per i malati). La struttura dell'incontro è impostatain 4 parti.

La prima, introduttoria, con un canto a S. Camilloe una preghiera d'abbandono fiducioso a Gesù Signore, serve a crearel'atteggiamento adatto ad accogliere la Presenza divina in sé.

La seconda, di dialogo col Signore è costituitaprecedentemente dall'ascolto della Parola di Dio (proclamazione di un branoo un florilegio e un breve salmo o preghiera litanica con ritornello cantato)seguito da una pausa di silenzio e una breve condivisione su ciòche lo Spirito suscita nel cuore. Successivamente c ëè la preghieradi supplica (prima insieme e poi in forma privata come silenzio o formagiaculatoria interiore).

La terza parte, di lode, conseguenza dell'esperienzaappena avuta di dialogo e di presenza di Dio è formata da una preghieradi fede/speranza, da un canto e una preghiera di ringraziamento (o perla serenità o per amare).

La quarta parte, conclude con una preghiera e uncanto a Maria, la nostra maestra nel portare Gesù al mondo.

P. Pietro Magliozzi,
camilliano
Incontri di preghiera
per malati

Introduzione - 5
1. Incontro di preghiera con i malati in ospedale - 7
2. Incontro di preghiera con i malati a domicilio - 15
3. Incontro di preghiera con i malati anziani o cronici - 23
4. Incontro di preghiera con i malati disabili - 31

Incontri di Preghiera
per medici, infermieri, volontari

Introduzione - 5
1. Incontro di preghiera con i medici - 7
2. Incontro di preghiera con gli infermieri - 17
3. Incontro di preghiera con i volontari - 25
Bibliografia essenziale - 37

*** Per ordinazioni, o altreinformazioni, rivolgersi a:

© 2002 - EDIZIONI CAMILLIANE
Strada Santa Margherita, 136
10131 Torino

tel. 011 8194648 --- fax 011 8194648
e-mail: edizioni@h-sancamillo.to.it
http://www.camilliani.org/edcamilliane/