“Se a Natale puoi… tutto l’anno puoi!”

E’ stato il titolo della serata di beneficienza a favore dei ragazzi delle Case Famiglia del territorio sorano, svoltasi giovedì u.s. presso il teatro della Residenza Sanitaria Assistenziale S. Camillo di Sora che ha visto una grande partecipazione e coinvolgimento da parte di un numeroso pubblico in sala.

Ad aprire la serata c’erano i presidenti per “Sora Movimento” l’ingegnere Alberto la Rocca, per l’Associazione “Agendi” il Dott. Giulio De Gasperis e per l’amministrazione comunale il consigliere Serafino Pontone Gravaldi. La finalità di questa iniziativa – affermavano – era quella di far crescere la presa di coscienza della società civile ed in particolare quella sorana al problema dei più deboli.

Per rompere il ghiaccio i ragazzi del coro di Valfrancesca, una piccola contrada di Sora, si esibivano con diverse performance di danza e musica, dando il via al coinvolgimento di altri bambini che non erano mai saliti su di un vero palcoscenico, dando origine ad allegre e divertenti esibizioni.

Ma i veri protagonisti della serata sono stati i ragazzi del Centro “Le Nuvole” con gravi problemi di handicap che si sono dilettati e divertiti in una recita da loro interpretata, con un finale spettacolare: dalla porta centrale del teatro è entrata trionfalmente la slitta di Babbo Natale con tantissimi doni ai ragazzi delle case famiglie.

Nel ringraziare il responsabile della R.S.A. S. Camillo, padre Alfredo Buracchio, la rappresentante delle famiglie dichiarava: “i Camilliani sulla scia del proprio fondatore S. Camillo de Lellis hanno investito grandi energie per la dignità della persona: ne fa fede la straordinaria struttura dove sono accolti tanti anziani e questo bel teatro dove speriamo di poter riproporre ancora momenti di serenità e di festa”.

Il cronista

 

*** Fotogalleria ==>>