“Benignus in Dolentes”

Camillo de Lellis, IL MUSICAL… UNA PROPOSTA ANCHE PER I PIU’ GIOVANI…

 

di Roberta Cocco

 

Una nuova e travolgente iniziativa dei Religiosi Camilliani è quella di presentare la Figura del Santo della Carità in maniera nuova e molto particolare.

Un musical su S. Camillo: chi se lo sarebbe mai aspettato!

Benignus in dolentes  un’idea originale per presentare il “gigante della carità” al pubblico, per cercare di imprimere nella memoria di chi osserva i suoi insegnamenti attraverso la bravura degli attori, giovani ma con una grande capacità di trasmettere un messaggio come quello di Camillo “sfruttando” la bellezza dell’arte del teatro.

E’ uno spettacolo ricco di professionalità, studiato a lungo, capace di presentare con forza la storia di un uomo-santo come Camillo de Lellis che ha segnato una svolta storica e un momento importante nel settore dell’assistenza sanitaria.

L’incontro con Camillo è di grande utilità per tutti; egli ha vissuto e interpretato in modo singolare il comandamento dell’amore, lo ha rivestito della tenerezza e sensibilità dell’amore materno: servire gli ammalati “…con quella charità et amorevolezza che sogliono far le madri verso i loro proprij figliuoli infermi…”

Si concretizza, così, l’amore di Dio che è Padre con tenerezze materne per la sua creatura: “Si dimentica forse una donna del suo bambino, così da non commuoversi per il figlio del suo seno? Anche se ci fosse una donna che si dimenticasse, io non mi dimenticherei mai” (Is 49, 1§-15).

In un mondo così frenetico, dove difficilmente ci si accorge di chi si ha accanto, questo musical è sicuramente un mezzo forte e divertente che ci ha fatto  riflettere sul fatto che, soprattutto negli ospedali, spesso ci si dimentica che l’ammalato da accudire e curare è Cristo stesso, ci si dimentica di quella tenerezza che ci ha insegnato Lui e che, a volte, può molto più di una medicina.

Durante la prima nazionale del 18 e 19 marzo 2006 a Roma presso il Teatro Massimo, lo spettacolo è risuonato come  “ un richiamo forte e, nello stesso momento, impegnativo; per una comprensione totale e completa occorreva un po’ di tempo in più e questo, forse, ha permesso di portare a casa un pensiero; non è stato uno spettacolo fine a se stesso, di puro divertimento, ma un vero e proprio insegnamento che ha scosso un po’ il pubblico “costringendolo” a riflettere sul messaggio semplice, ma vitale dell’amore di Cristo incarnato da Camillo” .

 Per questo grande lavoro, calorosamente applaudito oltre che a Roma, a Bucchianico (Luglio 2006) , Botrugno (Le) (Luglio 2006), Roma (Chiesa della Maddalena- 8 Dicembre 2006) ,si ringrazia  il regista Lorenzo Cognatti a capo di uno splendido gruppo che è il cast del “Jobel Teatro”. Grazie alla grande famiglia dei Camilliani che si è impegnata in questa avventura teatrale e che giorno per giorno si impegna, in tutto il mondo, a far si che “Benignus in dolentes” non rimanga solo un bello spettacolo, ma  si concretizzi tramite le loro vite.

Questo spettacolo dedicato al mondo della Sanità, possa scuotere le coscienze di numerose persone  a cui ci auguriamo sarà presentato, lasciando un messaggio di speranza che va oltre il dolore… nel segno di una croce rossa.

Evento speciale che ha portato , e siamo certi, porterà a conoscere la figura di San Camillo nel quotidiano , facendoci accorgere che accanto a noi, ogni giorno, ci sono occhi che hanno bisogno di incontrare un cuore…il Tuo!

Per informazioni guarda il sito www.musicalcamillo.com